Campeggio

Scopri il campeggio, i servizi e tutto quello che offre
Scopri di più

Photo gallery

Una selezione delle migliori foto del campeggio e del lago
Scopri di più

Lago di Como

Sport, eventi, storia e cultura sul Lago di Como
Scopri di più

Informazioni

Contattaci direttamente e richiedi disponibilitá
Scopri di più

Eventi e luoghi d’interesse

MUSEO DELLA FINE DELLA GUERRA  – Dongo

Il museo si trova al piano terreno dello storico Palazzo Manzi: un racconto multimediale che coinvolge in un intreccio di memorie e narrazioni.

Clicca qui per visitare il sito.

 

PALAZZO MANZI – Dongo

Sala d'oro-Palazzo ManziIl Palazzo si trova nella piazza principale affacciata sul lago e sul vecchio molo di Dongo, fu’ costruito nel 1824. L’esterno è sobrio e semplice l’interno invece è molto sfarzoso. Al piano superiore, oltre agli uffici comunali, troviamo la cosiddetta Sala d’Oro chiamata in questo modo per le dorature su stucchi e fregi al suo interno. È caratterizzata dallo stile neoclassico (in voga al tempo della costruzione dell’edificio): la pianta è rettangolare, il soffitto a volta e lungo il perimetro della sala corre un elegante ballatoio con ringhiera in ferro battuto e decori dorati. La volta e le pareti sono affrescate con diversi episodi mitologici quasi tutti ispirati al tema dell’azione civilizzatrice delle arti, soprattutto la musica. All’interno del Palazzo è presente inoltre una Biblioteca con oltre 4.000 volumi del fondo Manzi e la Cappella dell’Immacolata interamente affrescata.

 

 

CHIESA DI SANTO STEFANO – Dongo

La chiesa di Santo Stefano si trova a Dongo e fu’Chiesa di Santo Stefano- Dongo ricostruita nei primi decenni del 1700 su una preesistente chiesa plebana del XII secolo, fra le più antiche della diocesi di Como. Nel monumentale interno: affreschi settecenteschi di Carlo Scotti e Giulio Quaglio, fonte battesimale del ‘400, preziose cantorie del XVI secolo ed imponenti statue di stucco della fine del ‘700, opera di Stefano Salterio.

 

 

CHIESA DI S. MARIA IN MARTINICO – Dongo

A Dongo si trova una chiesa romanica edificata tra Chiesa di Santa Maria in Martinico - Dongol’XI ed il XII secolo, in parte restaurata agli inizi di questo secolo (campanile ed abside). Interessante la tipica facciata a capanna e l’antico portale sovrastato da un rozzo leone, sul fianco sinistro. L’interno è disadorno, ma di grande suggestione.

 

 

SANTUARIO E CONVENTO MADONNA DELLE LACRIME – Dongo

Santuario e Convento Madonna delle Lacrime - DongoEdificato a cavallo tra il 1500 e il 1600 in segno di testimonianza e riconoscenza alla Vergine per il miracolo della “Lacrimazione”.
Il prezioso interno conserva l’antico miracoloso affresco della “Madonna della Lacrime” una pregevole tela di fra Gerolamo Cuttica, belle statue policrome in legno che animano le due cappelle laterali dell’Ultima cena e della Crocifissione. Nel primo chiostro vi sono affreschi seicenteschi con scene della vita di S. Francesco. Al piano superiore del Convento vi è un’importante biblioteca ricca di oltre 20.000 volumi tra cui incunaboli e cinquecentine.

 

CHIESA DI S. GOTTARDO – Dongo

Chiesa di San Gottardo - DongoEdificata nella seconda metà del 1600, è posta su un colle in superba posizione panoramica. Nell’interno, a pianta ottagonale, pregevole pala d’altare di Giacomo Berbelli.

 

 

CHIESA DI S. EUFEMIA

Posta sullo sperone che separa Musso da Dongo, è stata Chiesa di S. Eufemiaedificata nel quindicesimo secolo, come “chiesa del castello”. Da questa chiesetta si gode uno spendido panorama dell’intero Altolago.

 

 

VILLA CARLOTTA: MUSEO E GIARDINO BOTANICO – Tremezzo

Villa Carlotta - TremezzoUna delle opere più celebri del lago di Como, un luogo assolutamente unico, dove l’opera dell’uomo si è felicemente integrata con quella della natura. Il parco di villa Carlotta è celebre per la coloratissima fioritura primaverile dei rododendri e delle azalee in oltre 150 varietà, ma il visitatore può trovare spunti di interesse in qualsiasi periodo dell’anno tra siepi di camelie, pergolati di agrumi, alberi, piante ed essenze provenienti da ogni parte del mondo.

Clicca qui per visitare il sito.

 

VILLA DEL BALBIANELLO – Lenno

La villa sorge sulla punta della penisola Villa del Balbianellodi Lavedo, un triangolo boscoso che si protende nel lago, abbracciando un vastissimo panorama. Da qui è possibile godere di una vista superba. Un ruolo fondamentale è giocato dal giardino. La sua struttura a terrazze segue necessariamente l’andamento del terreno roccioso con prati delimitati da siepi di lauro e bosso alternati da ghirlande di edera. Ogni particolare è studiato in funzione del lago e del paesaggio.

Clicca qui per visitare il sito.

 

 

GIARDINI DI VILLA MELZI – Bellagio

Villa MelziCon il suo aspetto severo ma signorile e il suo ammiratissimo parco all’inglese la villa mette in risalto il paesaggio circostante configurando un luogo di rara armonia. Ricco di specie di fiori, piante e alberi, a cui si aggiungono le essenze esotiche, tipiche del gusto dell’epoca, venne progettato tra il 1808 e il 1810. Nel parco sono sistemate anche statue di pregio, il chiosco moresco e la serra degli aranci, oggi adibita a museo, con reperti archeologici, affreschi di primo Cinquecento e cimeli del periodo napoleonico. In fondo al parco, nei pressi della darsena di Loppia, la cappella di famiglia custodisce pregevoli opere scultoree.

Clicca qui per visitare il sito.

 

PARCO DI VILLA SERBELLONI – Bellagio

Villa SerbelloniGioiello dalla storia antichissima, il parco di Villa Serbelloni si estende
sul promontorio scosceso che separa i due rami del lago. I giardini sono un suggestivo intrico di vialetti immersi nella vegetazione autoctona ed esotica e abbelliti da terrazzamenti, statue e grotte artificiali. Durante il percorso che dalla torre di Bellagio sale sino alla vetta del promontorio, il visitatore avrà anche modo di godere di un superbo panorama del centro del lago, con i tre rami del Lario e le Prealpi.

Clicca qui per visitare il sito.

 

PALAZZO GALLIO – Gravedona ed Uniti

Palazzo Gallio Il sontuoso palazzo si è sempre trovato chiuso fra il lago, affacciato di fronte al monte Legnone da un lato, e la strada Regina dall’altro. Di conseguenza, il
giardino è costituito da tre comparti che circondano l’edificio, uno a fronte dell’ingresso e gli altri due lateralmente, con quello di sinistra collegato tramite una scalinata alla darsena. È facile intuire che qui dovettero abbondare specie ricadenti, in grado di ricoprire i muraglioni prospicienti il lago. Con il passare del tempo, molto di quanto doveva essere stato realizzato in stile formale fu sostituito da aiuole ed essenze all’inglese, grandi conifere, magnolie e camelie.  Tuttavia, il giardino superiore o d’ingresso, pur ospitando alberi discordanti con i modelli rinascimentali (due esemplari di Magnolia grandiflora ai lati della scalinata), ha mantenuto un disegno formale, soprattutto nel vialetto centrale ove è una bella vasca ornata da erbacee perenni, mentre ai lati si allungano siepi in bosso.

Clicca qui per visitare il sito.

 

SPETTACOLI PIROTECNICI

Durante il corso dell’estate numerose sono le Fuochi d'artificio - Gravedona ed Unitiserate che tengono tutti col naso all’insù per ammirare i fantastici spettacoli pirotecnici. Imperdibile è l’appuntamento del 14 agosto a Gravedona ed Uniti dove, oltre ai fuochi d’artificio, si può ammirare la sfilata delle barche allegoriche.

 

 

 LINKS:

 

Non vi dimenticate di andare a visitare la nostra pagina Facebook!   Clicca qui

 

 

 

 

 

 

 

Alto Lario Meteo